Gli Stati Uniti di Trump verso l’abolizione dell’aborto

Dopo lo Stato dell’Alabama una legge sul divieto di aborto al primo battito cardiaco (senza eccezioni per stupro e incesto) sarà promulgata a breve anche in Louisiana. La novità e che, in questo caso, la firma del provvedimento sarà di un Governatore democratico, l’avvocato John Bel Edwards, alla guida dello Stato dal 2016. La famiglia del Governatore è nota da tempo per la sensibilità sociale. Donna Edwards è la moglie di John Bel Edwards e, oltre che insegnante, è madre dei suoi tre figli. Conosciuta un po’ da tutti i cittadini di questo importante Stato del sud-est degli USA (conta quasi 5 milioni di abitanti) come “Miss Donna”, ha promosso finora tante iniziative educative e sociali come “First Lady”. Ora che una legge anti-abortista del tutto simile a quella entrata in vigore pochi giorni fa in Alabama è pronta per essere firmata sulla scrivania del marito, dovrà probabilmente prepararsi a sostenerlo e ad affrontare campagne personali ostili, di carattere politico, mediatico e, forse, anche giudiziario. Il provvedimento pro-life, infatti, pur redatto dallo staff democratico del Governatore Edwards, non prevede eccezioni al divieto d’aborto, nemmeno in caso di stupro o d’incesto. I medici che praticheranno la c.d. interruzione della gravidanza saranno quindi passibili di reato di omicidio, rischiando fino a due anni di carcere.Anche in questo caso i media continueranno a ignorare la presa di coscienza prolife di un Paese battendo sempre sul presidente Trump reazionario, “brutto, sporco e cattivo”?

Trump: Obiettivo secondo mandato (2020-2024)

Le battaglie anti-gender del presidente più politicamente scorretto del XXI secolo

L’attuale presidente degli Stati Uniti non è il mio politico ideale ma, come ha sottolineato Marcello Veneziani nel suo editoriale di aprile 2019 della rivista “il Borghese”, in questo momento storico porsi la questione dell’indipendenza internazionale del nostro Paese non può non implicare un confronto con quella della leadership mondiale di Donald Trump.

Leggi tutto